Una media di 350 segnalazioni all’anno nel biennio 2013-2015 sono arrivati ad Arpat da parte dei cittadini toscani disturbati dal rumore proveniente da infrastrutture di trasporto come strade aeroporti e ferrovie. Il disturbo percepito ha riguardato anche, in parte, rumore proveniente da attività artigianali industriali e commerciali.

Dai dati in possesso di Arpat si evince che ad essere maggiormente interessati da queste tipologie di esposti sono i comuni di Firenze, Lucca, Pisa e Prato.

Per quanto riguarda in particolare il rumore da infrastrutture di trasporto, è stata registrata una media di 70 segnalazioni all’anno nel triennio 2013-2015.

Come si fa una segnalazione e qual è l’iter che essa segue poi negli enti competenti?

Per segnalare situazioni di disagio legate al rumore il primo passo che il cittadino può compiere è quello di rivolgersi al proprio Comune. Il Comune prende quindi in carico la segnalazione e dopo aver effettuato un’istruttoria preliminare, valuta se rivolgersi ai tecnici di ARPAT per ulteriori controlli.

In tal senso per aiutare i cittadini a comprendere l’iter della loro segnalazione, ARPAT ha elaborato due opuscoli informativi Chi fa cosa dedicati al Rumore prodotto da aziende e al Rumore da infrastrutture di trasporto con il link al modello elaborato dalla Regione Toscana.

 

Fonte: ARPAT